Home press area
Press Area
La parola ai produttori di Cocconato: Luigi Dezzani Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 21 Agosto 2013 08:30

Luigi Dezzani, azienda Dezzani








Qual è il primo ricordo che ha di lei in cantina?
Quando, con cinque anni, arrivavo dall’asilo e in laboratorio imitavo l’enologo Mario mentre faceva le analisi e le degustazioni.

Tradizione o innovazione? Quale strada percorre per la sua azienda?
Tutte e due. Seguo la tradizione di famiglia seguendo i principi dettati dalla conoscenza del territorio e tramandati da mio nonno e mio papà sempre attento all’innovazione ed alle nuove tecniche di vinificazione e ricerca che nel mondo del vino sono sempre in fermento

Nel corso dell’evento vi sarà un momento di attenzione a favore della Barbera d’Asti dei produttori di Cocconato. Con quale Barbera vi presenterete?
Barbera d’Asti Superiore” il Dragone” annata 2008.

 
La parola ai produttori di Cocconato: Adriano Cavallito dell'azienda Marove' Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 20 Agosto 2013 08:27

Adriano Cavallito, azienda Marove'





Qual è il primo ricordo che ha di lei in cantina?
Quando abbiamo ampliato la produzione in cantina, il cambiamento dei quantitativi da pochi quintali che si facevano alla volta alla produzione attuale. E’ stato un passaggio un po’ particolare vedere il trasformarsi della cantina.

Tradizione o innovazione? Quale strada percorre per la sua azienda?
Un buon compromesso tra le due cose. La tradizione per mantenere quelli che sono i punti fermi e salvaguardare il territorio, l’ambiente e via dicendo e quindi lasciare intatto il più possibile la tradizione e dall’altra parte andare avanti con quelle che sono le innovazioni del 2013.

Nel corso dell’evento vi sarà un momento di attenzione a favore della Barbera d’Asti dei produttori di Cocconato. Con quale Barbera vi presenterete?
Barbera d’Asti 2011. Per la nostra azienda vogliamo arrivare ad ottenere in vigna un prodotto (quindi uva) con determinate caratteristiche per poi fare il nostro Barbera d’Asti docg invecchiato in acciaio. L’azienda ha puntato molto sul Piemonte Bonarda e su vitigni diversi rispetto al Barbera d’Asti. Il Barbera ed il Monferrato Rosso sono arrivati dopo con impianti nuovi, vinificazioni diverse rispetto agli altri vini e con alla base l’affinamento della tecnica raggiunto in questi anni di lavoro

 
Annunciate le date della Go Wine School 2013 Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 05 Agosto 2013 14:37

3 weekend, 3 full immersion nel mondo dell’enoturismo, 3 territori di riferimento del vino italiano. Queste le premesse con le quali Go Wine lancia l’edizione 2013 della GO WINE SCHOOL e che si articolerà nei prossimi mesi autunnali toccando Soave, la Toscana del Chianti Rùfina e i due territori friulani del Collio e Colli Orientali.

La  Go Wine School rappresenta un segno concreto del costante impegno dell’associazione Go Wine a favore del turismo del vino; l’idea è nata dalla sollecitazione di soci ed enoappassionati di creare momenti di maggiore approfondimento nell’esperienza dell’enoturista. Una sorta di ripensamento e di evoluzione dell’idea del viaggio, per consentire a tutti coloro che lo desiderano di aumentare il grado di conoscenza di un territorio e dei suoi vini e di alzare il livello qualitativo della proposta.

Le positive esperienze maturate nelle prime due edizioni  hanno fatto si che Go Wine riproponesse un nuovo calendario di weekend tematici, alla scoperta di tre territori del vino italiano.

Tutti gli appuntamenti sono strutturati secondo un format destinato a rinnovarsi nei vari territori, e pur tenendo conto di alcune peculiarità dei territori ospitanti.

La formula è quella del week-end di due giorni in cui ogni partecipante potrà vivere l’esperienza di un territorio del vino attraverso fasi di didattica ed esperienze pratiche: piacere e conoscenza

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Cerca nel sito